LE MISTERIOSE STRUTTURE DI MARTE

Alcune recenti foto scattate al pianeta rosso farebbero presumere la presenza sul terreno marziano di alcune strutture anomale, forse di origine artificiale: è quanto afferma lo studioso italiano Ennio Piccaluga, direttore della rivista ufologica “Area di Confine” e grande esperto del pianeta Marte. Le immagini qui presentate, risalgono al 2004 e furono scattate dalla sonda europea Mars Express; esse salirono alla ribalta già nel 2006 tra gli addetti ai lavori, sempre per opera del Piccaluga che già all’epoca ne denunciò la scoperta. Ora queste foto, che mostrano presunte strutture a forma di “ziggurat”, sono divenute di dominio pubblico ed hanno la presunzione di dimostrare la presenza passata o attuale di una forma di vita aliena sul pianeta in questione. Le foto n. 1 e 2 in effetti, presentate sia in bianco e nero che a colori, fanno intravedere in maniera abbastanza dettagliata la presenza di “strutture particolari”, che secondo molti, non possono essere frutto del caso. Anche la ricostruzione presentata nell’ultima foto (foto n. 3) che ha graficamente e fedelmente ricostruito l’immagine della struttura marziana, pulendola  letteralmente “dalla polvere accumulatasi” nel tempo, lascia poco spazio a dubbi: al di sotto della struttura principale a torretta si noterebbe la presenza di sette gradoni, proprio come nelle ziggurat terrestri. Altri indizio di presunta artificialità sarebbe il cratere quadrato visibile nella foto in bianco e nero (che non può essere certamente di natura naturale, poiché i meteoriti producono crateri di forma circolare): essendo molto vicino alla “ziggurat” si presume che il materiale per costruire la struttura sia stato ricavato proprio da lì. Gli enti spaziali internazionali, a partire dalla NASA, non vogliono naturalmente prendere posizione sul caso. Chi ha cercato di farlo ne ha pagato direttamente le conseguenze: da ricordare è infatti il caso di quel dipendente dell’Ente Spaziale Europeo licenziato nel 2004 per aver affermato che le strutture fotografate sul pianeta rosso dalle sonde spaziali non erano di origine naturale, ma erano costruite da una presunta civiltà aliena. Come già avviene abbondantemente per il fenomeno degli UFO la gente viene tenuta all’oscuro di tutto, forse per paura di una reazione di panico nel sapere che nell’universo esistono altre forme di vita oltre la nostra. Ormai però questo è un concetto “superato”: prima o poi la verità sarà di dominio pubblico, anche per lo sforzo che in questi ultimi anni i gruppi ufologici di tutto il mondo stanno operando nei confronti dei governi mondiali per avviare il cosiddetto “disclosure”.

Fonte: unonotizie.it – Centro Ufologico di Benevento Mars Group Campano – danilo1966.splinder.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: