I KACHINA E I LORO SCUDI VOLANTI UNA TRADIZIONE DEGLI INDIOS HOPI DELL’ARIZONA

..Molti detentori di saggezza Hopi credono che la maggiore presenza di scudi volanti segnali la fine del Quarto Mondo, ossia della nostra epoca attuale..

Antiche macchine volanti fanno parte dall’Antichità delle tradizioni di molte culture, in tutto il mondo. Venerati testi indù come il Ramayana e il Mahabharata descrivono dirigibili Vamana, che dicono anche essere stati utilizzati per il combattimento. Tra i geroglifici sul muro di un tempio egizio di 3000 anni fa, ad Abydos, sono rappresentati quelli che sembrano essere moderni aeroplani ed elicotteri. Secondo alcuni, le incisioni su dischi di pietra che sarebbero stati trovati in grotte sul confine cinese-tibetano racconterebbero storie di un razza extraterrestre chiamati Dropa, il cui veicolo spaziale sarebbe caduto sulla Terra 12000 anni fa. Gli indios Hopi abitarono per oltre un migliaio d’anni su tre grandi Mesas, nel nord dell’Arizona. Anche le loro leggende fanno riferimento a veicoli aerei, forse provenienti da Orione.

Gli Hopi possono essersi stabiliti sulle tre Mesas principali in Arizona perché volevano riflettere la posizione delle stelle nella loro antica costellazione d’origine. (Cfr. The OrionZone di Gary A. David).

Quei magici scudi volanti, chiamati paatuwvota, esistevano nel Terzo Mondo in una precedente epoca, distrutta da un gran diluvio. Era un periodo di fiorente civiltà, in cui si costruivano grandi città e vie commerciali. In un messaggio consegnato alle Nazioni Unite, Thomas Banyacya, del Clan Hopi Coyote, ha dichiarato:
“La gente aveva inventato molte macchine e le comodità di alta tecnologia, alcune delle quali non sono state ancora osservate in questa età”. Noi, naturalmente, riconosciamo di tale descrizione sorprendente come l’eco d’Atlantide.

In un mito lo scudo volante è associato con Sotuknang, il dio Hopi del cielo. Sembra che una devastante alluvione distruggesse Palatkwapi, “la città rossa a sud”, forse situata nel paese di roccia rossa presso Sedona, Arizona. Poco dopo un fratello di nome Tiwahongva e la sua sorella Tawiayisnima, che erano stati dimenticati nel caos e abbandonati dai loro genitori in fuga, partirono in viaggio per ritrovarli.

In serata decisero di accamparsi. Stavano accingendosi alla cena, quando sentirono un gran boato sulle loro teste. I bambini erano molto spaventati e si chiedevano quale strana cosa potesse essere. Il fratello strinse sua sorella al petto, mentre un fantastico essere scendeva dal cielo. Indossava un costume che scintillava come ghiaccio (una tuta spaziale metallica?), mentre la sua testa e il viso brillavano come una stella.

Egli disse: “Non abbiate paura. Il mio nome è Sotuknang. A causa della mia simpatia per la vostra condizione, sono venuto per aiutarvi. Salite sul mio paatuwvota e proseguiamo insieme il nostro viaggio”.

Disegno Hopi del dio del cielo Sotuknang.

Poi li prese sul suo scudo volante e salì verso il cielo, in modo tale che potevano vedere per molte miglia attorno. Nutrì i bambini affamati con meloni maturi e disse loro che dovevano avere fiducia in lui e nel suo insegnamento, che avrebbe comunicato loro attraverso i sogni. Infine, atterrò a poca distanza dal paese in cui i loro genitori si erano stabiliti, disse addio ai giovani e volò di nuovo nelle nubi. Sempre grati al Dio del cielo, il fratello e la sorella si avviarono al villaggio per ricongiungersi con i loro genitori.

Poiché gli Hopi non avevano oggetti come piattini, che potessero volare, diedero a quell’oggetto il nome derivandolo dall’oggetto della loro cultura più vicino a quella forma, vale a dire lo scudo del guerriero. La parola tuwvota indica specificamente questo tipo di protezione. Stranamente, il concetto di guerra nella mitologia Hopi è collegato con le stelle. L’uso di tuwvota piuttosto di una parola più comune che significhi ‘disco’ o ‘cerchio’ suggerisce quindi un’origine celeste per la paatuwvota.

Maschera di Sotuknang.

Poiché il termine Hopi paa significa ‘acqua’, paatuwvota probabilmente si riferisce all’espandersi di anelli concentrici in acqua. Potrebbe essere una metafora per descrivere il modo in cui il dispositivo di bordo del velivolo sembrava funzionare. La relativa parola patuka, o ‘mandrino’, può anche descrivere il movimento rotatorio dello scudo. In aggiunta, il prefisso ‘pa’ denota stupore o timore. Per il popolo del deserto, l’acqua è uguale a meraviglia, ma ‘pa’ suggerisce forse la reazione a quello straordinario mezzo di trasporto.
La tradizione dello scudo volante appare anche nell’arte rupestre. La foto qui sotto è di un antico petroglifo, o graffito sulla roccia, che si trova vicino a Winslow, Arizona, che sembra mostrare un veicolo di forma triangolare.

Nonno Martin Gashweseoma di Hotevilla (Terza Mesa) accanto a un petroglifo, forse raffigurante uno “scudo volante”.

Petroglifo di un mezzo spaziale con le ali a delta?

Nel suo libro Mexico Mystique, Frank Waters, un non-indiano esperto della vita di Hopi, scrive:
“Sulla seconda Mesa vicino a Mishongnovi un antico petroglifo raffigura un oggetto a forma di cupola, che poggia su una freccia che rappresenta il viaggio attraverso lo spazio, e la testa di una fanciulla Hopi che rappresenta la purezza incontaminata. Poiché gli Hopi credevano che altri pianeti fossero abitati, questo petroglifo rappresenta un paatuwvota o ’scudo volante’ simile ad un ‘disco volante’ che è venuto qui all’inizio. Così ora alla fine gli esseri sacri che arriveranno da un altro pianeta, che dicono essere Venere, su dischi volanti. Molti tradizionalisti Hopi hanno recentemente segnalato di vedere dischi volanti, tutti pilotati da esseri che chiamano kachina”.

Alcuni lettori possono avere familiarità con le bambole in legno kachina intagliate dagli Hopis. (Vedi foto).

I Kachina non sono dèi, ma spiriti che fungono da mediatori tra Dio e l’uomo.

Essi possono assumere la forma di qualsiasi animale, pianta, corpo celeste, o creatura dell’altro mondo. Durante la primavera e all’inizio dell’estate gli Hopi compiono un ciclo cerimoniale di balli, mascherati da kachina, per attirare la pioggia e il benessere generale sulla tribù.

Eototo, capo kachina (a sinistra) e Aholi, il suo luogotenente.
Bambole Hopi kachina al Museo del Nord Arizona.

L’ortografia più corretta è Katsina (come il nome di un’antica città della Nigeria).
La parola ebraica per “ufficiale” nella Bibbia è katsin.

Proprio come gli angeli caduti della Bibbia (cfr. Genesi 6:1-4), si afferma che i kachina si sono talvolta accoppiati con le donne Hopi. Ciò prefigura il tema contemporaneo del rapimento da parte degli alieni a scopo di riproduzione.

Una leggenda Hopi narra di una giovane sposa che accompagnava il suo bel marito Kana kachina al suo villaggio di Mishongnovi, sulla Seconda Mesa, su uno scudo volante.

“Quando lo scudo si sollevava, tutti i kachina emettevano un gran rumore. Lo spettacolo era incredibile, ogni sorta di kachina concepibile era presente. Tutto d’un tratto la coppia volava via, lampi di fulmine erano visibili in aria e si sentiva il rombo del tuono. Quando lo scudo salì più in alto, una pioggerellina cominciò a scendere. I kachina li accompagnavano… I suoi genitori andarono al bordo della Mesa per guardare fuori. Guardando giù dal bordo della mesa, videro un numero incredibile di persone che venivano attraverso la pianura. Per loro grande stupore erano tutti kachina, che cantavano e gridavano loro chiamate in un pandemonio”.

Bambola Kana kachina.
Questo brano è tratto da un libro chiamato Terra Fuoco: Una leggenda Hopi dell’Eruzione del Cratere del Tramonto, co-autori Ekkehart Malotki, un professore di lingue bianco alla Northern Arizona University, e Michael Lomatuwayima, uno Hopi del villaggio-santuario della Terza Mesa, Hotevilla. Il Kana kachina è associato con l’eruzione vulcanica iniziata nel 1064 d.C., che creò il non più esistente Cratere del Tramonto, situato vicino a San Francisco Peaks. Un’altra sessantina di miglia più a nord-est una grande roccia rettangolare, sotto il villaggio di Mishongnovi, è anche conosciuta come ‘la casa del Kana kachina’.
Mentre il corteo avanzava dai picchi ‘kachina’ verso la Seconda Mesa, portava una grande quantità di mais e meloni sulle spalle, come doni per gli Hopi. Questo gruppo eterogeneo di divini messaggeri deve aver costituito una vista ben sorprendente. In realtà, gli Hopi si riferiscono a volte ai kachina come ‘creature belle’. Tale designazione sottolinea non solo il loro aspetto esteticamente piacevole, ma anche il loro ruolo effettivo come appartenenti ad un sistema di parentela.

Molto tempo fa i kachina furono adottati nei clan, con varie piante e animali, durante le migrazioni che ebbero luogo dopo che gli Hopi emersero dal Mondo Sotterraneo – il Terzo Mondo, già menzionato in precedenza. La loro presenza era chiaramente fisica o tangibile, rispetto al soprannaturale o etereo. In altre parole, la loro influenza era sentita una volta direttamente su un livello materiale. Col passare del tempo, tuttavia, la corruzione sociale e religiosa – un motivo ricorrente nel pensiero Hopi – costrinse questo bizzarro ma benevolo ‘popolo’ ad abbandonare il sud-ovest americano. Da quel periodo ad oggi, i kachina appaiono per la maggior parte solo sotto forma di spiriti.

Alcuni Hopi ritengono che i kachina manovrino ancora questi misteriosi velivoli.

Nel suo libro The Terra Papers, l’autore Hopi/Apache Robert Morning Sky descrive come suo nonno e altri cinque uomini fossero andati in campeggio nel deserto, nel mese di agosto del 1947, poco dopo il famoso incidente di Roswell, quando un disco volante attraversò il cielo notturno e si schiantò.

Dalle macerie essi recuperarono un alieno argenteo, incosciente, ma ancora vivo, che chiamarono l’Anziano delle Stelle. Dopo averlo guarito, l’ET telepaticamente descrisse loro per mezzo di un cristallo la guerra galattica che infuriava, ossia la causa per cui era stato abbattuto il suo veicolo spaziale. Questo materiale di X-Files con la testimonianza d’un nativo americano rimane non confermato.

Inspiegabili avvistamenti continuano, comunque. Nell’estate del 1970 centinaia di UFO sono stati osservati circa 200 km a sud-ovest dei villaggi Hopi, vicino alla città di Prescott, Arizona. La sera del 13 marzo 1997, nelle stesse vicinanze, un velivolo con ali a delta, forse alla quota di un miglio, con i bordi illuminati, fu notato muoversi silenziosamente sopra le teste prima di accelerare e allontanarsi verso sud. In seguito tale evento divenne noto come le Luci di Phoenix.

Titolo di USA Today, 18 giugno 1997.

Nel 1998 alla radio il conduttore di talk-show Art Bell intervistò due anziani Hopi, che dichiararono che i loro antenati sapevano come viaggiare molto lontano, verso altri pianeti. Essi dissero anche che, durante la Fine dei Tempi, avremmo ricevuto la visita di ‘persone di fuori della Terra’ che possiedono una tecnologia avanzata.

Trio di anziani delle stelle, ciotola di ceramica, nord Arizona.

Molti detentori di saggezza Hopi credono che la maggiore presenza di scudi volanti segnali la fine del Quarto Mondo, ossia della nostra epoca attuale. In congiunzione con le profezie bibliche dell’Apocalisse, i kachina o anziani delle stelle possono tentare di metterci in guardia noi su questo stato di cose. Grazie all’ascolto di questi soggetti nel corso dei secoli, gli Hopi, che vivevano isolati sulle loro Mesas, hanno conosciuto da lungo tempo il destino globale, che sembra ormai imminente. Alcuni dei segni e prodigi sono nei cieli. Dobbiamo solo guardare in alto.

Stella Hopi Kachina
Le tre stelle sulla sua cresta possono rappresentare la cintura d’Orione.

Copyright (c) 2008 Gary A. David. Tutti i diritti riservati.
Chi è l’Autore
Gary A. David è autore di The Orion Zone: Ancient Star Cities of the American Southwest (Adventures Unlimited Press, 2006).
Mr. Il nuovo libro di David, Eye of the Phoenix: Mysterious Visions and Secrets of the American Southwest è disponibile anche tramite Amazon, Barnes e Noble, Adventures Unlimited Press, e si può ottenere una copia firmata dall’autore. (www.theorionzone.com)
Ha pubblicato articoli sulle riviste Fate, Atlantis Rising, Ancient American, World Explorer.
Gary vive con sua moglie e sua figlia nel nord Arizona, dove i cieli sono ancora relativamente intatti.

di Simonetta Santandrea – Liutprand.it

Fonte: Universum-ita.blogspot.com – noiegliextraterrestri.blogspot.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: