L’Italia rischia una multa per la cattiva gestione dall’Unione Europea

L’Italia si è presa una duplice sonora scoppola dall’Unione Europea.
Prima scoppola: la Commissione Europea ha detto all’Italia che, se non si sbriga ad adottare piani corretti per la gestione dei rifiuti, verrà deferita alla Corte Europea e dovrà pagare la conseguente multa. Coi soldi di noi contribuenti, ovvio.
Seconda scoppola: la Commissione Petizioni del Parlamento Europeo ha approvato la relazione della commissione d’inchiesta sbarcata a Napoli e inCampania in seguito alle ripetute richieste della gente alle prese con l’emergenza rifiuti.
La relazione e le raccomandazioni conseguenti sono semplicementedevastanti per l’Italia e per il modo in cui viene gestita l’emergenza.
Ma andiamo con ordine. Parto dal caldo sollecito ad adottare piani corretti in tutto il Paese per la gestione della monnezza. La seconda puntata, quella sulla commissione d’inchiesta a Napoli, arriverà fra poco.
Ieri la Commissione Europea ha sollecitato l’Italia ad ottemperare ad unasentenza pronunciata dalla Corte Europea nel 2007 (!) Essa accertava che l’Italia non aveva adottato i piani di gestione dei rifiuti previsti dalla direttiva quadro sui rifiuti e dalla direttiva sui rifiuti pericolosi, oppure che i piani esistenti non avevano attuato correttamente le direttive in alcune regioni e province italiane.
Ieri la Commissione Europea ha constatato che, dal 2007 in poi, l’Italia hapartorito “i piani per il Friuli Venezia Giulia, la Puglia, Bolzano e Rimini. Tuttavia, il piano programmatico esistente nel Lazio non è ancora conforme alla legislazione dell’UE”.
Di conseguenza la Commissione ha stabilito che l’Italia, se non intraprenderà le azioni necessarie per mettersi in regola, potrà essere nuovamente deferitaalla Corte Europea. E condannata a pagare una multa.
Ovvero. Paghiamo la cattiva gestione della monnezza a peso d’oro attraverso la bolletta dei rifiuti, e pagheremo di nuovo perchè le autorità italiane la gestiscono male.
Il commissario europeo per l’Ambiente Janez Potočnik ha commentato la decisione della Commissione Europea dicendo che i cittadini dell’Unione Europea “hanno diritto a vivere in un ambiente pulito e sano”. Egli pertanto sollecita l’Italia “a garantire l’approvazione di una normativa efficace per quanto riguarda i rifiuti su tutto il territorio”.

Dobbiamo sentircelo dire da Bruxelles.

Fonte: http://www.blogeko.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: