C’erano una volta le scie di condensa

Dovrebbe ormai bastare osservare continuamente il cielo e notare l’irregolare frequenza con cui passano gli aerei per avere la certezza dell’esistenza delle scie chimiche; se poi chi nega l’esistenza delle scie chimiche nega persino tale irregolare frequenza dovremmo già avere chiara quale sia la situazione, se ci decidiamo ad osservare autonomamente e costantemente il cielo.

Ma ci sono ulteriori dati che ci permettono di comprendere come quasi tutte quelle scie (persistenti e non) abbiano ben poco a che fare con la condensa di vapore acqueo. A tal riguardo la questione della quota di sorvolo degli aerei è fondamentale, e la seguente digressione è una delle tante cose che sono state tagliate dalla lunga intervista fattami dalla redazione di Mistero in occasione della mia partecipazione a quella trasmissione.

A pagina 11 di un vecchio testo La fisica della particelle di Kenneth W. Ford (Arnoldo Mondadori Editore, Milano), anche nella seconda edizione del 1970, si legge:

“Quando un aereo a reazione passa alto nel cielo, si forma sulla sua scia una nube di cristalli di ghiaccio chiaramente visibile, anche se non è possibile scorgere l’apparecchio. È veramente una bella fortuna per l’uomo che i più piccoli oggetti di cui egli sa qualche cosa, le minuscole entità di materia e di energia che egli chiama particelle elementari, si comportino grosso modo in maniera analoga. Una singola particella elementare è oltre dieci milioni di volte più piccola del più piccolo oggetto visibile al microscopio, eppure, quando essa attraversa una camera a bolle, lascia al suo passaggio una traccia visibile a occhio nudo che può essere fotografata e studiata con tutta comodità”.
Fare click sull’immagine qui sopra per vederla ingrandita
Anche se oggi circolano aerei leggermente più grandi di quelli di un tempo, e quindi più facilmente osservabili da lontano, questo brano è una testimonianza storica del fatto che un aereo che vola alla quota di crociera (intorno ai 10 km) è così lontano che generalmente non si vede o lo si vede a malapena.
In condizioni di buona visibilità se ne potrà distinguere appena la sagoma, ma di certo non lo si può vedere chiaramente e distinguerne i particolari. Certo, se proprio ci troviamo al di sotto della traiettoria dell’aereo, ovvero sulla perpendicolare condotta dal velivolo alla superficie terrestre, se ci troviamo proprio sotto il corridoio aereo da lui percorso (e se la visibilità è buona) possiamo anche scorgere qualcosa di quell’aereo. Ed è questa un’altra cosa molto strana delle scie che vediamo adesso nel cielo: scorgiamo benissimo l’aereo anche quando visibilmente si trova ben lontano dalla nostra verticale.
Per altro alla quota di crociera degli aerei (le sole quote alle quali si potrebbero formare scie di condensa, come conferma lo stesso colonnello dell’aeronautica militare De Simone, che pur nega le scie chimiche) il rumore da esso prodotto non è distinguibile a livello del suolo (vedi appendice in fondo all’articolo), e vedere la scia di un aereo sentendone forte il rombo e distinguendo nettamente muso coda e ali dell’aereo costituisce prova tangibile della manifestazione di una scie chimica … se poi l’aereo non è nemmeno sulla nostra verticale occorre rendersi conto che la distanza aumenta secondo le note leggi della trigonometria.
Ciò vuol dire che di regola è molto difficile scorgere un aereo che voli intorno ai 10 km di quota, a meno che non sia un aereo militare (cui sono assegnate quote fra i 5 ed i 6 km) o un aereo in decollo/atterraggio dall’aeroporto più vicino.
Se continuiamo a leggere il testo summenzionato troviamo scritto in maniera assolutamente inequivocabile:
“al fisico moderno resta il compito, ancopra molto difficile, di ricostruire dalle tracce tracce e dagli scatti dei contatori la natura delle varie particelle elementari, impresa che equivale a ricostruire il disegno di un aereo a reazione studiandone la scia ad alta quota
Se viene considerata improba l’impresa di ricostruire il disegno di un aereo a reazione studiandone la scia ad alta quota, ciò vuol dire che tale sagoma non è ben visibile ad occhio nudo, che se va bene è una sagoma indistinta.
Per quanto riguarda la quota di sorvolo di questi aerei oltremodo sospetti c’è chi ha fatto diversi esperimenti per misurarla sia con metodi metodi trigonometrici che con l’aiuto di un laser, ed i risultati sono assolutamente incompatibili con l’ipotesi di normali scie di condensa.
Per altro c’è la prova del cumulo ovvero il fatto che si vedono spesso aerei rilasciare scie passando attraverso cumuli, ovvero nubi appartenenti alla categoria delle nubi basse che si formano a quote comprese tra i 1.500 ed i 2.300 metri. Anche il passaggio sotto gli stratocumuli (altre nubi basse) è emblematico.
Appendice – Trasmissione del suono ed aerei chimici – Stima delle quote
Data una sorgente di suono, questo si propaga allo stesso modo in tutte le direzioni secondo fronti d’onda sferici. La superficie del fronte d’onda aumenta in proporzione col quadrato della distanza dalla sorgente. Di conseguenza l’energia che possiede il fronte d’onda si distribuisce su tutta la superficie, per cui su una singola unità di superficie avremo un’energia che decresce proporzionalmente al quadrato della distanza.
Insomma secondo leggi elementari della fisica legate alla propagazione delle onde se la distanza raddoppia l’intensità diventa un quarto, se la distanza triplica l’intensità diventa un nono, se la distanza diventa 10 volte più grande, l’intensità del suono diventa 100 volte più piccola (10*10). Fisica elementare.
Il decibel è un’unità di misura del suono che si calcola in base ad un rapporto, ovvero in base al logaritmo di un rapporto. Se due grandezze misurano una A e l’altra A/2 (la metà di A) la loro differenza è A/2, ma se calcolo il rapporto espresso in decibel fra le due grandezze fisiche (vedi definizione di decibel), dal momento che il rapporto tra la prima grandezza e la seconda è 2, ottengo un numero che è uguale a 10*log(2)=3,01 [il logaritmo è per definizione un logaritmo in base 10]
Se due grandezze misurano una A e l’altra A/4 il decremento in decibel è quindi pari a 10*log(2)=6,02. Otteniamo un numero esattamente il doppio del precedente perchè per le proprietà dei logaritmi log(b*c)=log(b)+log(c) e quindi log (2*2)=log(2)+log(2)
Secondo le normative in vigore (legge quadro 447/95, propagazione del rumore in ambiente esterno) il rumore di un aviogetto ad 800 metri di quota sulla verticale non deve superare i 75 db (voce forte ad un metro). Dal momento che raddoppiando la distanza, l’intensità sonora decresce di 6 dB, possiamo dedurre che un aereo che sorvola a 1600 metri trasferisce a terra, in media, un rumore pari a 69 db (conversazione normale ad un metro).
Decuplicando la distanza l’intensità sonora diventa un centesimo, e quindi il decremento in decibel dell’intensità udita è pari a 10*log(100)=10*2=20, e quindi si passa da 75 a circa 55 db (intensità sonora paragonabile a quella di una conversazione tranquilla in un salotto). Mano a mano che si sale di quota, ovviamente il suono si attenua, sino a diventare irrilevante e questo spiega perché un velivolo che incrocia a 12.000 metri non può essere percepito. Qualcuno ha mai udito gli aerei di linea prima dell’inizio delle operazioni di aerosol? Infatti il rumore corrisponderebbe in teoria a circa 45 db (il brusio udibile in una biblioteca dove è fatto divieto di parlare e si può solo sussurrare), ma anche meno se si tiene conto dell’energia dissipata dall’onda sonora nell’aria. Per quanto riguarda i livelli del suono espresso in decibel a cui si fa riferimento in precedenza potete guardare in fondo a questa pagina di wikipedia già segnalata in precedenza.
Per di più, a riprova del fatto che ci sia una reale cospirazione dei mass media e di tutta una serie di organizzazioni che cerca di nascondere la realtà del fenomeno delle scie chimiche, è il caso di riportare le parole pronunciate dal signor Toselli (membro del CICAP) ad una conferenza sulle scie chimiche ad Alessandria (consiglio vivamente di ascoltare l’intervento registrato di tale conferenza al per capire che mezzucoli utilizza il sistema di potere per confutare l’esistenza delle scie: non confutare i dati, le notizie, le osservazioni, ma screditare con ogni mezzo le persone che ne parlano, ridicolizzarle, ridicolizzare le loro affermazioni su argomenti diversi da quelli delle scie etc.)
Non lo so, lo studio … si è detto che il suono, quando sentiamo il suono di un aereo sulla verticale vuol dire che questo è al si sotto di una certa quota, senza pensare che il suono si propaga a 360° quindi lei può essere totalmente spostato rispetto alla verticale.
C’è chi si arrampica sugli specchi per “dimostrare” che le scie chimiche non esistono?
Guarda caso il signor Toselli da allora in poi ha abbandonato la sua “lotta” per negare l’esistenza delle scie chimiche.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: