Scie Chimiche: 50.000 Firme

giugno 26, 2011

Segnaliamo una nuova iniziativa finalizzata alla sensibilizzazione di opinione pubblica e istituzioni in merito ad un fenomeno che da anni suscita forti perplessità e preoccupazioni: quello delle scie chimiche.

Chi non abbia chiari i contorni del problema può trovare ulteriori informazioni nei post correlati.

L’obiettivo è raccogliere 50.000 sottoscrizioni della petizione che riportiamo in calce, da sottoporre alla attenzione dei ministeri della Salute, dell’Ambiente e della Difesa.
Testo della Petizione:
Premesso che la difesa della Patria è un sacro dovere del cittadino, come citato nell’articolo 52 della Costituzione Italiana, e:

– considerando che una scia di condensazione di un aereo può formarsi solo al di sopra degli 8000 metri di altitudine in particolari condizioni di temperatura atmosferica e valori di umidità
– considerando che sono numerose le testimonianze fotografiche e i video nel web che riprendono durante l’ultima decade aerei non identificati rilasciare lunghe scie nei cieli del territorio italiano anche al di sotto degli 8000 metri
– considerando che queste scie non si dissolvono in pochi minuti ma rimangono per ore nei cieli sopra i centri abitati durante il giorno e la notte
– considerando che sono state effettuate varie interrogazioni parlamentari sul tema dal 2003 al 2009
– considerando che negli ultimi anni alcune reti televisive nazionali ne hanno parlato

da quanto citato sopra, noi cittadini italiani, chiediamo:

– se il Governo Italiano è a conoscenza delle operazioni di aerosol comunemente chiamate scie chimiche
– se il Governo Italiano intenda assumere, per quanto di competenza, iniziative volte a determinare il rischio ambientale e per la salute della popolazione, dei territori soggetti a operazioni di aerosol.
Fonte: www.anticorpi.info/2011/06/scie-chimiche-50000-firme.html

C’erano una volta le scie di condensa

marzo 10, 2011
Dovrebbe ormai bastare osservare continuamente il cielo e notare l’irregolare frequenza con cui passano gli aerei per avere la certezza dell’esistenza delle scie chimiche; se poi chi nega l’esistenza delle scie chimiche nega persino tale irregolare frequenza dovremmo già avere chiara quale sia la situazione, se ci decidiamo ad osservare autonomamente e costantemente il cielo.

Ma ci sono ulteriori dati che ci permettono di comprendere come quasi tutte quelle scie (persistenti e non) abbiano ben poco a che fare con la condensa di vapore acqueo. A tal riguardo la questione della quota di sorvolo degli aerei è fondamentale, e la seguente digressione è una delle tante cose che sono state tagliate dalla lunga intervista fattami dalla redazione di Mistero in occasione della mia partecipazione a quella trasmissione.

A pagina 11 di un vecchio testo La fisica della particelle di Kenneth W. Ford (Arnoldo Mondadori Editore, Milano), anche nella seconda edizione del 1970, si legge:

“Quando un aereo a reazione passa alto nel cielo, si forma sulla sua scia una nube di cristalli di ghiaccio chiaramente visibile, anche se non è possibile scorgere l’apparecchio. È veramente una bella fortuna per l’uomo che i più piccoli oggetti di cui egli sa qualche cosa, le minuscole entità di materia e di energia che egli chiama particelle elementari, si comportino grosso modo in maniera analoga. Una singola particella elementare è oltre dieci milioni di volte più piccola del più piccolo oggetto visibile al microscopio, eppure, quando essa attraversa una camera a bolle, lascia al suo passaggio una traccia visibile a occhio nudo che può essere fotografata e studiata con tutta comodità”.
Fare click sull’immagine qui sopra per vederla ingrandita

EX CAPO FBI: FERMIAMO LE SCIE CHIMICHE NEI CIELI!

gennaio 22, 2011

Chi parla è un ex capo dell’FBI, Ted L. Gunderson che in una intervista video datata 12.1.11, dichiara:”Le scie della morte, ovvero le scie chimiche, sono gettate e sprizzate in tutti gli USA, l’Inghilterra, Scozia, Irlanda Europa del nord. Le ho viste personalmente non solo negli Stati Uniti ma anche in Messico e Canada. Gli uccelli stanno morendo nel mondo. I pesci stanno morendo a centinaia e migliaia nel mondo. Questo è genocidio!

QUESTA E’ LA TRADUZIONE DELLA SUA DICHIARAZIONE IN VIDEO

“Questo è veleno. Questo è omicidio perpetrato dagli Stati Uniti: questo elemento all’interno della nostra società che lo sta facendo, deve essere fermato.
Mi è capitato di sapere di due postazioni dove ci sono gli aerei che scaricano questo schifo sopra di noi. 4 degli aerei sono all’Air National Guard in Lincoln, Nebraska e gli altri a Fort Sill, Oklahoma. personalmente ho visto gli aerei fermi in Nebraska – a Lincoln, Nebraska – all’ Air National Guard. Non hanno sigle segnaletiche. Sono aerei enormi, come bombardieri, senza marcature. Questo è un crimine: un crimine contro l’umanità, contro l’America, contro i cittadini di questo grande Paese. Devono essere fermati.
Cosa c’è che non funziona al Congresso? Questo ha una ripercussione sulla loro popolazione, la loro gente, i loro amici, parenti e loro stessi. Cos’è che non va in questa gente? Cosa non va nei piloti che guidano questi aerei e scaricano questo schifo, questo veleno, sulle loro stesse famiglie? Qualcuno deve fare qualcosa. Qualcuno al Congresso deve farsi avanti e fermare tutto questo ora. Grazie.”

Sono Ted Gunderson.

Per altri dettagli: http://www.aircrap.org/.  = monitoraggio dell’avvelenamento pianificato della umanità.

Fonte: altrainformazione.it – segnidalcielo.it


VIDEO SULLE SCIE CHIMICHE

gennaio 11, 2011

Servizio tratto da Rai 2 dalla trasmissione “Voyager”


Altri Video


Scie Chimiche

gennaio 11, 2011
Dossier informativi

Vi proponiamo la pagina riassuntiva sulle scie chimiche “Noi vogliamo delle risposte. E tu?” e i primi due dossier di sciechimiche.org, visionabili direttamente sul sito oppure scaricabili in formato pdf.

Il primo riguarda il fenomeno delle scie chimiche, il secondo riguarda H.A.A.R.P. Si tratta di dossier riassuntivi che raccolgono tutto il materiale disponibile in rete per ulteriori approfondimenti.

Pagina riassuntiva – Noi vogliamo delle risposte. E tu? (scarica il volantino in formato .pdf)

“Dossier#1 – Scie chimiche” (scaricalo in formato .pdf)

Scheda #1 – Cosa sono le scie chimiche

Scheda #2 – Le scie di condensazione

Scheda #3 – Documenti

Scheda #4 – Rassegna stampa

“Dossier#2 – H.A.A.R.P.” (Scaricalo in formato .pdf)

Scheda #1 – Cos’è H.A.A.R.P.

Scheda #2 – Le potenzialità di H.A.A.R.P.

Scheda #3 – H.A.A.R.P., scie chimiche e controllo climatico

Scheda #4 – H.A.A.R.P.: Documenti e rassegna stampa

Da oltre dieci anni, i nostri cieli sono caratterizzati da lunghe scie bianche. Sono le scie degli aerei, ovviamente: lo sanno anche i bambini! E’ risaputo, infatti, che gli aerei rilasciano al loro passaggio delle scie bianche: si chiamano “scie di condensazione”, “contrails” in inglese.

Si tratta di un fenomeno del tutto naturale. I gas caldi (mix tra vapore acqueo e gas combusti) che fuoriescono dai motori degli aerei venendo a contatto con l’aria fredda dell’atmosfera innescano il processo della condensazione: il vapore acqueo si trasforma in piccoli cristalli di ghiaccio soggetti all’evaporazione. Per la loro natura, le scie di condensazione si dissolvono in circa 30-50 secondi (in casi particolari posso permanere nell’aria per pochi minuti) e pertanto non possono essere lunghe.

Essendo un fenomeno del tutto naturale, le scie di condensazione seguono determinate leggi fisiche, le quali si possono riassumere in tre principali condizioni fondamentali:
– quote superiori agli 8000 metri;
– umidità relativa non inferiore al 70%;
– temperatura inferiore ai -40 °C.
(Questi valori si possono trovare nelle definizioni di “contrails” riportate da alcuni manuali di meteorologia, da Wikipedia, dai siti della NASA, FAA, NOAA, EPA e US Air Force.)
Le scie che possiamo vedere tutti i giorni, però, sono scie particolari, del tutto diverse dalle scie di condensazione. Non servono titoli di studio particolari per rendersene conto: è sufficiente alzare lo sguardo al cielo.

scie chimiche - chemtrails
Queste scie sono molto lunghe e molto persistenti: alcune di esse si estendono da orizzonte a orizzonte e permangono nell’aria addirittura per molte ore. Altre assumono comportamenti strani: nella loro lunghezza svaniscono in alcuni tratti ma permangono in altri, oppure si espandono a dismisura o ancora si espandono “a tratti”. Inconsueto e improbabile fenomeno se si trattasse di semplice vapore acqueo.
scie chimiche - chemtrails
In alcuni giorni si possono contare nell’arco di un’ora decine e decine di scie e in altri giorni si può assistere alla formazione di veri e propri reticolati nel cielo. Queste scie sono state avvistate anche fuori dalle rotte degli aerei di linea, a quote improbabili per gli aerei di linea e in spazi aerei non consentiti al traffico civile e/o commerciale.
sciechimiche03

A questo punto viene naturale chiedersi: se sono scie degli aerei, di quali aerei si tratta e soprattutto… che tipo di scie sono? E’ evidente che non sono scie di condensazione. Quindi… che cosa sono? Da cosa sono composte?

scie chimiche - chemtrails

Il vero scopo del sito www.sciechimiche.org è quello di informare, argomentare e fornire spunti di approfondimento su un un fenomeno tanto reale quanto screditato. Le scie chimiche: strane strisce bianche e permanenti lasciate dagli aerei, molto diverse dalle normali scie di condensazione.

L’argomento viene trattato partendo dalle percezioni visive di ognuno di noi e spiegando perché tali scie appaiono così strane, in che cosa si distinguono dalle scie di condensazione, i motivi per cui vengono denominate “chemtrails”, quali sono i documenti ad esse connesse, quali potrebbero essere gli effetti sulla nostra salute e quali sono le ipotesi della loro presenza nei nostri cieli.

I contenuti del sito spaziano in diversi campi: dallo studio della fisica alle nozioni basilari di aeronautica, dalla chimica alla politica, dalla medicina all’economia, dall’analisi della società attuale alle nuove tecnologie del futuro. Trattare questi argomenti così diversi tra loro è indispensabile per comprendere meglio il fenomeno delle chemtrails, soprattutto per rendersi conto che non si tratta né di fantasie e né di strane teorie.

Se non avete mai sentito parlare di scie chimiche o siete dubbiosi o scettici a riguardo, speriamo di fornirvi utili chiarimenti sul fenomeno. Se invece ne siete già al corrente, speriamo di fornirvi ulteriore materiale di approfondimento.

Leggendo le pagine di questo sito è probabile che vi sorgeranno dei dubbi e che vi porrete delle domande. Sciechimiche.org è un semplice sito fatto da semplici persone, comuni cittadini, proprio come voi. Si pone molte domande, proprio come voi. E proprio come voi vorrebbe delle risposte. Dal momento che “ufficialmente” le chemtrails non esistono, non esistono nemmeno dichiarazioni ufficiali sul loro utilizzo, pertanto sciechimiche.org non vi potrà fornire delle risposte certe.

Ciò che possiamo fare è condividere i nostri dubbi, le nostre perplessità riguardo una disinformazione mediatica sempre più incalzante e condividere le nozioni apprese attraverso un lungo lavoro di ricerca.

Sciechimiche.org quindi non fornisce risposte ma, informando, pone dubbi e domande. Per quanto riguarda le risposte… bisognerebbe rivolgersi ad altri, ad esempio a chi sostiene fermamente che ciò che sta accadendo nel cielo sopra le nostre teste sia un fenomeno del tutto normale.

Sciechimiche.org considera le scie chimiche una realtà e non ha alcuna intenzione di convincere gli utenti sull’esistenza delle stesse. Questo sito fornisce semplicemente del materiale informativo. Dopo averlo visionato, ognuno potrà trarre le proprie conclusioni.

Ringraziamo chiunque ci aiuti a far emergere l’informazione sulle scie chimiche e vi invitiamo a seguire il seguente forum e blog.

www.sciechimiche.org


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: